Dottori a quattro zampe:

Il benessere emotivo e sociale aumeno quando i pazienti oncologici interagiscono con i cani durante le sedute di chemioterapia e radioterapia!

 

Lo studio è stato condotto su 37 pazienti con  tumori maligni della testa e del collo inclusi cancro orofaringeo (62%), tumore dell'ipofaringe (11%), e il cancro esofageo (8%). La maggior parte dei pazienti (81%) avevano malattia in stadio IV. Il trattamento multimodale è stato "intenso" e di massima sui pazienti, che avevano tutti i tumori della testa e del collo, e ha causato effetti negativi, come il dolore, la fatica, lesioni cutanee, e l'incapacità di deglutire cibi solidi o di parlare.
Durante le visite di animali domestici, "il paziente e il cane hanno interagito nei modi consueti," i ricercatori spiegano, "di accarezzare, parlare e giocare."
Le visite da parte di questi "medici a quattro zampe" si sono svolte nell' area di attesa per la radioterapia, nella suite di chemioterapia, o nelle stanze di degenza.

Durante il periodo di studio di 7 settimane, i pazienti sono stati sottoposti a cali di benessere fisico e funzionale ; tuttavia, il benessere sociale risultava aumentato significativamente (p = 0.03), così come il benessere emotivo (p= 0 .004).
"Siamo rimasti stupiti la dimensione dell'effetto," ha detto il dottor Fleishman.
Il legame con gli animali è "da tempo riconosciuto" benefico per la vita umana, ma "poca ricerca è stata in grado di comprovare tali affermazioni con dati", ha detto Mary Jo Gilmer, PhD, RN, della School of Nursing Vanderbilt University a Nashville, Tennessee.

I pazienti non sono gli unici beneficiari. "Anche il personale gode. Invece di vedere i pazienti cupi, che vedono allegria nel bel mezzo di un tempo orribile", ha riferito.
E 'difficile fare un trial clinico randomizzato con i cani, il dottor Fleishman osservato. Per prima cosa, c'è il problema di "crossover" in un singolo disegno-clinica, perché i cani tipicamente interagiscono con più pazienti in sala d'attesa. Tuttavia, uno studio randomizzato sta attualmente esaminando l'effetto della pet therapy sui bambini con cancro.

J Community Oncol. 2015; 13: 22-26.

Stampa Stampa | Mappa del sito Consiglia questa pagina Consiglia questa pagina
© NUTRITIOLAB di Giulia Stiaccini, Biologa Nutrizionista via volterrana 424/2 56033 Capannoli (PISA) Partita IVA: 02108770500